Presentata una interrogazione a risposta scritta su: “Avviso pubblico per il conferimento di incarico quinquennale di Direttore della S.C. Medicina Nucleare del Presidio Ospedaliero Di Venere”.

Prot. n. 76                                                                             Bari, 12 giugno 2014

Al Presidente del

Consiglio Regionale

S E D E

Oggetto: Avviso pubblico per il conferimento di incarico quinquennale di Direttore della S.C. Medicina Nucleare del Presidio Ospedaliero Di Venere.

INTERROGAZIONE A  RISPOSTA SCRITTA

Premesso che:

  • l’Azienda Sanitaria Locale BA, con delibera del Direttore Generale n. 971 del 30 maggio 2014 ha indetto un Avviso pubblico per il conferimento di incarico quinquennale di Direttore della S.C. Medicina Nucleare del Presidio Ospedaliero Di Venere;
  • l’U.O.C. sarà affidata ad un Direttore di nuova nomina, trattandosi di Unità Complessa istituita con atto aziendale del 2013 e per la quale la Regione Puglia ha concesso la deroga per il concorso a direttore nel 2014;
  • in particolare, l’avviso in parola, prevede “requisiti specifici di ammissione” e “requisiti generali” confacenti ad un particolare profilo oggettivo e soggettivo (aver svolto ruoli di responsabilità gestionale).

Considerato che:

  • come già sottolineato in altre interrogazioni (vedi Presidio Ospedaliero “Bonomo” di Andria), anche nella  ASL BA sono molte le criticità dovute alla mancanza di Direttori nelle  varie UU.OO.CC. e che vedono maggiormente esposte la Chirurgia Generale dei presidi “S. Paolo e Di Venere”, la Neurologia, la Chirurgia Vascolare del “Di Venere” e tante altre ancora;
  • ciò nonostante, la Direzione Generale, ispirata da esigenze assistenziali indifferibili (quali?), ha ritenuto più opportuno chiedere la deroga ed indire un Avviso pubblico per il conferimento di incarico quinquennale, di nuova nomina, di Direttore della S.C. Medicina Nucleare del Presidio Ospedaliero Di Venere.

Osservato che:

Ø il medico nucleare attualmente in servizio, a tempo indeterminato,  ha svolto fino ad ora tutte le funzioni che normalmente svolge un Direttore, si potrebbe far rimanere  l’U.O. come Dipartimentale con un notevole risparmio economico;

  • Ø i dati dell’EDOTTO hanno particolarmente evidenziato che l’Unità Dipartimentale, così come organizzata, lavora e produce, anche considerando la limitrofa presenza di un centro privato convenzionato di Medicina Nucleare, ragione per la quale non sembrerebbe urgente ed indifferibile il concorso.

Per tutto quanto sopra esposto il sottoscritto Consigliere regionale interroga il Presidente della Giunta Regionale e l’Assessore alle Politiche della Salute per chiedere:

  1. per quale motivo si continua a concedere scriteriate deroghe, senza tenere conto delle criticità determinatesi per depauperamento del personale addetto all’assistenza, soprattutto nell’area dell’emergenza-urgenza;
  2. se ritengono l’atto di avviso pubblico, in oggetto indicato, adottato dalla Direzione Generale della ASL BA ispirato al buon andamento e all’imparzialità dell’amministrazione e conforme ai criteri dell’efficacia ed efficienza o, piuttosto, considerando il profilo oggettivo e soggettivo per il conferimento dell’incarico, non si sia proceduto a confezionare un abito su misura per qualcuno;
  3. se non ritengono più equo chiedere alla Direzione Generale la revoca dell’avviso, per destinare le maggiori risorse alla copertura di una delle U.O.C. di vecchia nomina, della stessa ASL, al momento prive di Direttore.

Dott. Nicola Marmo

Rispondi

© 2010 Dr Nicola Marmo. CF MRMNCL53A01285V